Il Territorio: l’Appennino settentrionale

La catena montuosa che si sviluppa dal Monte Lesima e che culmina nel Monte Cimone, costituisce l’Appennino settentrionale o Tosco-emiliano. Benchè formata da rilievi non molto elevati, questa catena costituisce un importante limite biogeografico, in quanto separa la zona mediterranea da quella centro-europea nel nostro Paese. Il clima di questa porzione dell’Appennino ha carattere centro-europeo, con precipitazioni abbondanti, soprattutto sul versante meridionale.

L’Appennino settentrionale ha pertanto uno spiccato carattere di transizione, potendo riunire in pochi chilometri la vegetazione mediterranea della lecceta, i boschi misti centro-europei e la faggeta. Alcuni elementi tipici delle Alpi raggiungono l’Appennino settentrionale: l’Abete rosso ed il Rododendro.

La fascia collinare in Emilia e nell’Oltrepò Pavese è per lo più caratterizzata da boschi misti di caducifoglie; frequenti anche le selve di castagno. Generalmente al di sopra dei 1200-1500 metri subentra la faggeta. Gli affioramenti ofiolitici sono ben riconoscibili per il profilo tormentato delle montagne e per il colore scuro delle rupi.

 

Il paesaggio dell’Oltrepò Pavese: Flora e Fauna

Commenti chiusi